fbpx

E’ uno degli incubi che attanaglia le donne. Dici cellulite e, d’emblée, la mente corre a quell’effetto buccia d’arancia che nessuna vorrebbe veder sbocciare sulla propria pelle.

Per fortuna, i rimedi per contrastare gli inestetismi della cellulite sono tanti. Ed efficaci. Con risultati che possono restituire serenità. E pelle liscia, ça va sans dire.

Ma come affrontare il “nemico” cellulite?

Abbiamo approfondito l’argomento con la dott.ssa Flora Cirillo, beauty specialist e trainer dei corsi dell’Academy di Decomedical, azienda che sviluppa tecnologie e produce apparecchiature per il benessere e per l’estetica professionale.

Flora Cirillo, beauty specialist e trainer dei corsi dell'Academy di Decomedical
Flora Cirillo, beauty specialist e trainer dei corsi dell’Academy di Decomedical

Intanto, cerchiamo di fare subito chiarezza tra cellulite e adipe.

L’adipe è un termine che indica il grasso presente nei nostri tessuti, anche con importanti funzioni. Se poi è in eccesso, siamo di fronte ad un problema di sovrappeso o addirittura di obesità.

Se poi parliamo di adiposità localizzata, siamo di fronte ad un’alterazione delle funzioni del tessuto adiposo che modificano la forma armonica del corpo.

E la cellulite, invece, cos’è?

“La cellulite è un inestetismo border line, un’alterazione della funzione del tessuto. La prima fase coincide con un edema che porta ad un ristagno dei liquidi nel tessuto. Lo stadio successivo porta, per alterati scambi metabolici, prima alla formazione di micronoduli e, successivamente alla formazione di macronoduli, dando vita a quell’effetto noto con il nome di buccia d’arancia”.

Quali sono le cause della cellulite?

“Le cause vere e proprie ancora non sono state accertate, nonostante anni di ricerca, che continua ancora oggi. Sicuramente nel tessuto cellulitico si evidenzia un rallentamento della circolazione venosa e linfatica, come anche un’influenza ormonale sulle normali funzioni del tessuto. Possiamo poi aggiungere che, concause come la cattiva alimentazione, la mancanza di attività fisica e il mancato intervento con trattamenti idonei, ne aumentano l’instaurarsi.

Alcune ricerche più recenti, definiscono la cellulite come l’Alzheimer della pelle, causata da un’ ipossemia, con conseguente stress ossidativo delle cellule connettivali.

Come si affrontano i vari stadi della cellulite?

“Innanzitutto rivolgendosi a professioniste che sappiano come riconoscere, valutare ed approcciare il problema. Dopo una anamnesi, è possibile intervenire con approcci manuali, come i massaggi con creme e sieri o con trattamenti cosmetici specifici, come i fanghi, gli impacchi di alghe, l’utilizzo di principi attivi anticellulite, contenuti ad esempio nel fucus o nell’ananas”.

Si può far anche ricorso alla tecnologia.

“Sicuramente. Le tecniche più efficaci per contrastare la cellulite sono quelle del pressomassaggio, degli ultrasuoni e del massaggio endodermico. A queste possono essere, poi abbinate, anche l’elettrostimolatore e la Radiofrequenza”.

In cosa consiste il pressomassaggio?

“E’ un trattamento massoterapico che agevola il drenaggio. Utilizzando un’apparecchiatura specifica, la Presso Dren Digit, si stimola l’eliminazione dei liquidi in eccesso, agendo sulle principali cause degli inestetismi di gambe e fianchi. Con questo intervento migliora la circolazione e, dunque, tende a scomparire anche la sintomatologia dolorosa ad essa connessa”.

Cosa accade invece con gli Ultrasuoni?

“Anche in questo caso, Decotron è l’apparecchio studiato da Decomedical per combattere gli inestetismi della cellulite ma anche l’adiposità localizzata. Le onde ultrasoniche generano delle vibrazioni che provocano uno sfregamento delle cellule da cui deriva drenaggio e miglioramento del microcircolo”.

E i benefici dell’Endodermico, infine, quali sono?

“Il massaggio endodermico è un trattamento meccanico particolare, effettuato grazie all’uso della macchina Decoshaper che aiuta ad ossigenare i tessuti e a migliorare gli scambi nutrizionali, grazie ad un richiamo ematico, liberando i tessuti dal ristagno di liquidi e scorie metaboliche. Gli effetti? Un modellamento dei tessuti ed un miglioramento estetico evidente, fin dalla prima seduta”.