fbpx

Trotula de Ruggiero e la Scuola Medica Salernitana.

Decomedical, con la sua lunga esperienza di famiglia nel settore di apparecchiature per estetica professionale e medicina estetica, nasce in un contesto culturale storicamente dedito alla medicina: Salerno. La città nella quale prese forma la Scuola Medica Salernitana, è stata punto di riferimento per lo studio e per la diffusione delle conoscenze ippocratiche. 

Un’area culturale e geografica che ancora oggi vuole continuare a eccellere nella migliore tradizione legata alle discipline medico-sanitarie anche grazie ad aziende specializzate. 

Quando si parla della storia di Salerno, di per sé molto ricca e antica in diversi settori culturali, è impossibile infatti dimenticare il suo prestigio nell’ambito dello studio e della divulgazione della medicina.

Salerno con la sua provincia è ben nota per innumerevoli prerogative legate alla cultura sia marinara sia montana, alle bellezze naturalistiche e paesaggistiche, alle specialità gastronomiche, alla moda e alla tradizione artigianale, alla secolare predisposizione all’ospitalità. 

Ma anche il legame di Salerno con lo studio e la diffusione della medicina ha origini molto antiche, rendendola città protagonista soprattutto in epoca medievale. Si pensi che Salerno ha rappresentato, per un lungo periodo, il riferimento principale in tutta Europa relativamente alla sua pratica e al suo insegnamento.

Il più importante centro di interesse e di fermento accademico, il maggiore polo didattico, il contesto territoriale maggiormente predisposto alle dinamiche degli studi medici.

Tutto ciò grazie alla famigerata Scuola Medica di Salerno, nata durante il Medioevo, considerata la più illustre e la più antica istituzione dell’Occidente europeo per l’insegnamento e l’esercizio della medicina. 

Grazie alla sua opera, l’arte ippocratica trovò diffusione ovunque sul continente e attrasse a sé il maggior numero di coloro che volevano apprenderla. Prima che venissero fondate le cosiddette “Universitates Studiorum”, durante l’Alto Medioevo, sorsero altri centri d’insegnamento medico in Italia ma nessuno di essi raggiunse il livello di diffusione e di credibilità come Salerno.

Ben presto, infatti, la Scuola vide assegnarsi il titolo di “Civitas Hippocratica”, che venne poi apposto sul suo sigillo. Difficile risalire all’origine esatta di questa fondazione. Una leggenda narra che avvenne a opera di quattro maestri di diversa provenienza, ovvero uno latino, uno greco, uno ebreo e uno arabo, a sottolineare anche la pluralità delle voci e la molteplicità delle implicazioni culturali presenti.

Ma prima che la Scuola si costituisse come collegio medico, comunque, e dunque agli esordi, lo studio della medicina fu sostanzialmente praticato ed esercitato dai monaci, che si occuparono anche di tramandarne le nozioni. Insomma, si trattava di medicina monastica.

Solo successivamente e gradualmente ciò lasciò il posto all’esercizio laico della disciplina. 

Soprattutto quando si iniziò a proibire la pratica medica ai religiosi oltre i confini dei chiostri. La medicina laicale così aumentò in maniera organica e venne perfezionato l’insegnamento medico costituendo un vero e proprio collegio di maestri e una corporazione di medici per la tutela dei loro interessi materiali, facendo di Salerno un centro di studio per la medicina di fama diffusa. 

Trotula de Ruggiero

Non è un caso il fatto che provenga dalla Scuola medica Salernitana, Trotula de Ruggiero, ritenuta dai più la prima donna medico italiana.

Fu la più famosa delle ”Mulieres Salernitanae”, le Dame della Scuola Medica di Salerno, dove la scienziata studiò e insegnò. Le sue teorie precorsero i tempi in molti campi tra cui quello della prevenzione e dell’igiene. Fu autrice di trattati di medicina che mostrano eccezionali conoscenze in campo dermatologico, ginecologico ed ostetrico. La sua figura si inserisce nella lunga tradizione – che attraversa l’Antichità e il Medioevo – delle donne attive in professioni mediche. La sua eccezionalità è dovuta al fatto di aver scritto il proprio insegnamento, ponendolo sul piano di un sapere tramandabile. Le sue conoscenze in campo ginecologico furono eccezionali e molte donne ricorrevano alle sue cure. Fece nuove scoperte anche nel campo dell’ostetricia e delle malattie sessuali. Cercò nuovi metodi per rendere il parto meno doloroso e per il controllo delle nascite. Si occupò del problema dell’infertilità, cercandone le cause non soltanto nelle donne, ma anche negli uomini, in contrasto con le teorie mediche dell’epoca. Annotò queste scoperte nella sua opera più conosciuta il De passionibus Mulierum Curandarum (Sulle malattie delle donne), divenuto successivamente famoso col nome di Trotula Major, quando venne pubblicato insieme al De Ornatu Mulierum (Sui cosmetici), un trattato sulle malattie della pelle e sulla loro cura, detto Trotula Minor.” ( Fonte universitadelledonne.it)

Un polo che ancora oggi mantiene inalterato il suo storico prestigio e che, anche grazie a eccellenze nei diversi settori legati alla medicina tra cui Decomedical si vanta di far parte, esporta in tutta Italia e nel mondo i fasti di un passato sempre presente.

Come prepararsi velocemente per la prova costume

E’ tempo di prepararsi per la prova costume. E quest’anno, a causa del lock-down per il coronavirus, sarà una corsa contro il tempo.

Con l’imminente arrivo dell’estate il primo pensiero va inevitabilmente alla tanto temuta “prova costume”, quel momento in cui i corpi vengono mostrati per quello che realmente sono senza la possibilità di camuffare, modellare e nascondere.

Ci sono persone che anticipano questo momento iniziando a pensarci già dal periodo invernale, magari iscrivendosi a un corso in palestra o iniziando a seguire un regime alimentare e uno stile di vita più salutari a prescindere dai soli risultati che si voglio raggiungere nella stagione estiva.

Insomma, cercando di agire in profondità per cambiare alcune cattive abitudini e adottarne altre più sane per tutta la durata dell’anno.

Ma nella maggior parte dei casi ci si concentra sul periodo primaverile per mettere in atto tutte le strategie necessarie al raggiungimento dei risultati migliori.

Anche se quest’anno con il Covid-19 è stato tutto molto più complicato se non addirittura impossibile.

Tra Dieta ed Alimentazione

Sicuramente la prima cosa che viene in mente è rimodulare la propria dieta, cercando di alleggerirla da grassi e zuccheri e lasciando maggiore spazio ai liquidi, alla frutta fresca, alle verdure di stagione cucinate in maniera più leggera, ai secondi di pesce e magri.

Con uno sguardo sempre attento sul consumo di carboidrati, anche se la pizza settimanale in linea di massima va sempre bene, anche solo per allietare l’animo.

Dicevamo i liquidi, sì, perché il consumo quotidiano di acqua facilita il processo digestivo, idrata l’organismo e i tessuti, contribuisce a ridurre e a sciogliere accumuli di sali nelle zone più critiche, a rendere l’incarnato più luminoso, partendo dal bicchiere a stomaco vuoto al mattino appena svegli.

Ma non basta solo la dieta.

Nonostante l’importanza dell’alimentazione sana, è necessario muoversi: quindi addio alla pigrizia e spazio a un po’ di esercizio fisico quotidiano, anche casalingo, oppure passeggiate all’aria aperta, anche da soli.

Sicuramente questo può iniziare a tonificare, ma poi ci sono gli accorgimenti preziosi e specialistici che derivano da trattamenti estetici in centri che utilizzino macchinari di alta categoria.

Un modo questo sia per concedere a se stessi un po’ di utile benessere psicologico, sia per modellare il corpo in breve tempo e con risultati evidenti. Basta seguire con costanza le indicazioni fornite dal personale addetto al trattamento.

In questo senso molto utile si rivela la radiofrequenza, tecnica di ringiovanimento cutaneo non invasivo, in grado di ottenere risultati molto simili al lifting chirurgico.

La pressoterapia

Ma anche la pressoterapia risulta validissima con lo scopo di agire sulle cause dei principali inestetismi di gambe e fianchi: l’azione pressoria facilita infatti l’eliminazione dei liquidi in eccesso.

Infine, ma non di minore importanza, l’aspetto relativo all’epilazione del corpo per renderlo pronto a essere scoperto con disinvoltura e piacere.

Laser a Diodo e Luce Pulsata per l’epilazione

Quella definitiva prevede l’utilizzo di due trattamenti dai risultati rapidi e sorprendenti: la luce pulsata e il laser.

Molto richiesti dal pubblico femminile, ma scoperti ormai anche da quello maschile che pare sempre più interessato a mostrare un corpo liscio e pulito, rappresentano oggi le armi più efficaci dei centri estetici per combattere i peli superflui.

In tutti i casi il monito è uno solo: affidarsi a personale qualificato e specializzato che adopera apparecchiature sicure, all’avanguardia e altamente professionali.

Per rendere il proprio corpo più bello e più sano in totale sicurezza, aspettando l’arrivo della bella stagione sicuri di aver raggiunto il risultato sperato.

Specchio delle mie brame chi è la più bella influencer del reame.

Le loro pagine social sono il riferimento di milioni di ragazzine. Ma a loro, ormai, guardano con tanta curiosità anche le donne adulte che amano piacersi e restare aggiornate su tutto ciò che significa essere al top in tema di moda, beauty e wellness.

It girl e influencer sono le vere regine del web, testimonial naturali e indispensabili per ogni brand che voglia mantenere alta la penetrazione nei segmenti di mercato medio alti, che sono quelli in cui si muovono e trovano fertilità le nuove star dei social network.

In Italia, i loro nomi sono familiari ormai al grande pubblico.

Chiara Ferragni, Giulia De Lellis, Alice Basso sono solo la punta dell’iceberg di un fenomeno che in continua crescita e che sembra trovare sempre più emuli pronti a mettersi in gioco.

Instagram il loro regno incontrastato, ma anche YouTube non scherza, con video e tutorial che raggiungono milioni di visualizzazioni.

Numeri che, naturalmente, fanno di queste nuove star del web delle icone incontrastate, in grado di generare tendenze ed influenzare le scelte.

Certo, qualche liscio di tanto in tanto ci scappa. E’ accaduto ad esempio a Chiara Nasti, quando è stata letteralmente sommersa da critiche quando ha annunciato la sua ricetta (errata!) per il trattamento della cellulite.

Ma il loro apparire sicure e sbarazzine resta elemento sufficiente ad avere schiere di follower pronte a seguirne i suggerimenti.

Un po’ come in passato accadeva con le star di Hollywood o le dive del cinema italiano a cui in tante guardavano (e continuano a farlo, a dire il vero) per prendere spunto e cercare di imitarne trucchi e segreti di bellezza.

Dai massaggi drenanti alla pressomassaggio, dal laser a diodo utilizzato per eliminare i peli superflui agli ultrasuoni per combattere la cellulite: quali sono le tecniche utilizzati oggi dalle principali influencer per tenersi in forma?

Nessun problema, basta seguire le pagine social ed i fashion blog di Chiara Ferragni, Giulia De Lellis, Alice Basso,Veronica Ferraro, Giulia Gaudino giusto per rimanere nel novero delle più seguite e le risposte a tutte gli interrogativi arriveranno.

Mettendo sempre ben in evidenza marchi, brand e prodotti indossati, ca va sans dire.